IUC

IMU-TASI per l'anno d'imposta 2017

 

Per l’anno 2017, le aliquote, esenzioni ed agevolazioni in materia di IMU – TASI non sono variate rispetto all’anno 2016.

ESENZIONE TASI ABITAZIONE PRINCIPALE e relative pertinenze (come definite e dichiarate ai fini IMU) censite a catasto nelle categorie diverse da A/1, A/8 e A/9 anche quella a carico degli occupanti/inquilini quando per l'inquilino l'immobile in locazione è abitazione principale.

Si evidenzia che anche nel 2017 NON dovrà essere versata alcuna imposta sull’Abitazione Principale (esente IMU esente TASI – escluse Cat. A/1- A/8-A/9.)

Resta altresì in vigore l’agevolazione dl comodato d’uso gratuito, già applicabile dal 2016 alle seguenti condizioni:

COMODATO D’USO GRATUITO (Clicca qui per maggiori informazioni)

Viene ridotta al 50% la base imponibile Imu alle seguenti condizioni:

  • Unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il 1° grado (genitori-figli) che la utilizzano come abitazione

  • principale;

  • Il contratto di comodato deve essere registrato;

  • Il soggetto passivo deve possedere un solo immobile in Italia;

  • Il soggetto passivo deve risiedere anagraficamente e dimorare abitualmente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato;

  • Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, purchè non sia A/1, A/8 e A/9;

  • L’agevolazione non si applica alle abitazioni A/1, A/8 e A/9;

  • Il soggetto passivo deve attestare il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione da presentare entro il 30/6/2018.

 

E’ confermata l’ESENZIONE DEI TERRENI AGRICOLI ricadenti in aree montane e di collina.


SCADENZE

IMU

ACCONTO 50% entro il 16 giugno 2017 sulla base delle aliquote dell’anno 2016 (versamento in autoliquidazione);

SALDO entro il 16 dicembre 2017 (versamento in autoliquidazione)

TASI

ACCONTO 50% entro il 16 giugno 2017 sulla base delle aliquote dell’anno 2016 (versamento in autoliquidazione)

SALDO entro il 16 dicembre 2017 (versamento in autoliquidazione)

TARI (Rifiuti)

sulla base dei modelli F/24 precompilati che saranno inviati direttamente a domicilio con le seguenti scadenze:

1^ rata entro il 16/06/2017

2^ rata entro il 16/12/2017

Oppure rata unica entro il 16/06/2017 utilizzando entrambi i mod. F24 ricevuti

 

 

PER IL "CALCOLO IUC 2017" CLICCA QUI

Permette di calcolare e produrre il modello F24 per il VERSAMENTO DELL´IMU E DELLA TASI 2017

PER IL "CALCOLO IUC 2016" CLICCA QUI (da utilizzare solo ai fini del calcolo del ravvedimento del saldo 2016)

 

=====================================================================================

 

Per il 2017 restano invariate le aliquote:

 

IMU

TIPO IMMOBILE

ALIQUOTE

ABITAZIONE PRINCIPALE (escluse quelle in categoria A1-A8-A9 e relative pertinenze)

Si considera assimilata all´abitazione principale l´unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscano la residenza in istituti di ricovero o sanitari in via permanente, a condizione che l´abitazione non risulti locata.

 

ABITAZIONE PRINCIPALE in categoria A1-A8-A9 e relative pertinenze

La detrazione per abitazione principale è pari ad € 200,00 (rapportate al periodo dell´anno durante il quale si protrae tale destinazione e rapportata al numero dei proprietari occupanti l´immobile indipendentemente dalla percentuale di proprietà).

ESENTE

 

 

 

 

 

0,40%

 

FABBRICATI RURALI AD USO STRUMENTALE, regolarmente accatastati, dove viene svolta direttamente l´attività di allevamento animali.

0,10%

IMMOBILI in categoria catastale C/1 ­ C/3 ad uso strumentale per la propria attività dove viene svolta attività artigianale, commerciale al dettaglio, escluso settore terziario. Tali attività devono essere svolte dal proprietario, o parente e affine entro il II° grado, nonché dal conduttore nel caso di immobili acquistati in leasing. La riduzione non si applica qualora non vi sia il regolare svolgimento dell´attività.

0,60%

IMMOBILI in categoria catastale D/1 ad uso strumentale dove viene svolta attività artigianale, escluso settore terziario. Tali attività devono essere svolte dal proprietario, o parente e affine entro il II grado, nonché dal conduttore nel caso di immobili acquistati in leasing. La riduzione non si applica qualora non via sia il regolare svolgimento dell´attività.

0,76%

ALIQUOTE BASE

Per tutti i casi diversi da quelli sopra indicati, comprese aree edificabili.

0,82%

Per le aree fabbricabili il valore è costituito da quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell´anno di imposizione, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all´indice di edificabilità, alla destinazione d´uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato della vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.

Il Comune, ai sensi dell´art. 52 del D.Lgs 446/97, può stabilire valori minimi di riferimento ai fini del calcolo dell´I.M.U., pur non essendo gli stessi vincolanti né per il Comune né per il contribuente.

Con deliberazione di Giunta Comunale n. 37 del 29/04/2015 sono stati determinati i valori aree edificabili, ai fini dell´applicazione dell´Imposta Municipale Unica (IMU) a seguito approvazione definitiva PGT, da ritenere quale supporto utile e meramente indicativo. A tali valori è stata poi applicata una riduzione finalizzata a ragguagliare i valori venali ottenuti allo stato del mercato immobiliare che oggi è caratterizzato da una stagnazione e una contrazione dei valori di mercato.


CLICCA QUI per visualizzare i valori delle aree

 

TASI

ALIQUOTE

ABITAZIONE PRINCIPALE (escluse quelle in categoria A1-A8-A9 e relative pertinenze)

Si considera assimilata all´abitazione principale l´unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscano la residenza in istituti di ricovero o sanitari in via permanente, a condizione che l´abitazione non risulti locata.

Abitazione principale degli occupanti/inquilini

ESENTE

Fabbricati rurali ad uso strumentale

1,0 per mille

Tutti gli immobili, comprese le abitazioni principali in categoria A1-A8-A9 e relative pertinenze senza alcuna differenziazione per settore di attività o tipologia di immobile

2 per mille

 

CHI DEVE PAGARE LA TASI 

E´ dovuta da chi possiede o detiene a qualsiasi titolo fabbricati, ivi compresa l´abitazione principale e relative pertinenze immobili categoria A1-A8-A9. In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all´adempimento dell´unica obbligazione tributaria.

RIPARTIZIONE DEL TRIBUTO ‘TASI´ tra OCCUPANTE e POSSESSORE:

Nel caso in cui l´unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull´unità immobiliare (nel caso ad esempio di immobili affittati o concessi in comodato) il possessore e l´occupante sono titolari di un´autonoma obbligazione tributaria. L´occupante versa la TASI nella misura del 30%, il possessore sul restante 70%. 

Non è più dovuta la quota TASI a carico degli occupanti/inquilini quando per l'inquilino l'immobile in locazione è abitazione principale

In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a 6 mesi nel corso dello stesso anno solare, la TASI è dovuta soltanto dal possessore dei locali.

SONO ESCLUSI dal pagamento TASI le aree edificabili e terreni agricoli.

 RIDUZIONI  BASE IMPONIBILE PER IMU E TASI :

a) La base imponibile è ridotta del 50 per cento per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili.

b) La base imponibile è ridotta del 50 per cento per i fabbricati di interesse storico o artistico (art. 10 D.Lgs. 42/2004).

COME E DOVE SI VERSA:

si invitano i contribuenti ad effettuare autonomamente il versamento del tributo presso qualsiasi sportello bancario o postale, nonché on line, tramite modello F24 utilizzando i seguenti codici tributo:

 

 

Codici tributo

TASI per abitazione principale e relative pertinenze categorie A1 - A8 - A9 e relative pertinenze

3958

TASI per fabbricati rurali ad uso strumentale

3959

TASI per altri fabbricati

3961

IMU per abitazione principale e relative pertinenze

3912

IMU per fabbricati rurali ad uso strumentale

3913

IMU per altri fabbricati

3918

IMU per aree fabbricabili

3916

IMU per fabbricati D Stato

3925

IMU per fabbricati D incremento comune

3930

L´importo minimo totale annuo dell´imposta, sotto al quale non è dovuto il versamento, è pari a 5,00 euro.

Il codice ente per il Comune di Gazzada Schianno: D951.

 

DICHIARAZIONE IMU E TASI:

Le dichiarazioni devono essere presentate entro il 30 giugno dell´anno successivo a quello in cui ha inizio il possesso degli immobili assoggettabili al tributo.

 

==========================================================================

 

RENDITA CATASTALE

Per conoscere la rendita catastale è disponibile sul sito dell´Agenzia del territorio un apposito servizio. È sufficiente indicare nei campi di ricerca del modulo:

- il proprio codice fiscale
- gli identificativi catastali (Comune, sezione, foglio, particella)
- la provincia di ubicazione di un qualsiasi immobile.

VAI AL SITO DELL´AGENZIA DEL TERRITORIO

 

==========================================================================

 

Per eventuali chiarimenti, è possibile rivolgersi all´Ufficio Tributi:

e-mail servizi.finanziari@comune.gazzada-schianno.va.it

Tel. 0332/875130 - 0332/875142

Fax. 0332/875105

 

ORARI:

lunedì-giovedì dalle 17.00 alle 18.15

martedì-mercoledì dalle 11.00 alle 13.30