La casa di Nando  

la casa di nando

Associazione di Volontariato Culturale
"LA CASA DI NANDO´ ONLUS
NANDO. IL PROFESSORE

Quante cose ci ha lasciato Nando, il professore. In quegli Anni Settanta e Ottanta di rivolte, di cambiamenti, di lotte operaie e sindacali, di violenze, di scelte, di trame oscure, di democrazia da difendere. Nando è stato accanto a tanti giovani. Ha insegnato a tanti giovani l´impegno e la partecipazione, a discutere e ad ascoltare gli altri, a non scegliere mai scorciatoie pericolose. Nando non smetteva mai di confrontarsi, non si chiudeva mai in idee preconcette. Nando e quei tempi lontani del Centro Popolare di Cultura, le mostre fotografiche, i dibattiti, la politica, i cineforum, i corsi di inglese. I ragazzi insieme a provare a cambiare, a provare a lasciare un segno. Quei ragazzi sono cresciuti, hanno i capelli bianchi, qualcuno qualche chilo di troppo, ma nessuno ha dimenticato. Nessuno ha dimenticato la sua cordialità, la sua sigaretta perennemente accesa. I giri in paese con l´utilitaria e il megafono per invitare la gente ad uscire di casa e ad essere protagonista. I manifesti da incollare, le ‘Feste de l´Unità´, il Consiglio Comunale. Il professore c´era, sempre, con la parola e l´esempio. Quante cose ci ha lasciato Nando. Per gli adolescenti e i giovani che ‘agitavano´ la vita sociale e culturale di Gazzada Schianno nella seconda metà degli anni ottanta Nando è stato un importante compagno di viaggio, capace di condividere esperienze semplici o impegnative indicando con discrezione e competenza la strada migliore per arrivare alla meta. Nando sapeva mettersi in gioco allo stesso livello di quegli adolescenti e quei giovani che in lui cercavano consigli ed esperienza, condivisione e passione, confronto e scontro, riflessione e approfondimento, azione e divertimento. E noi, oggi, vogliamo aprire una ‘casa´ dedicata a lui.

CHI SIAMO

LA CASA DI NANDO pone particolare attenzione agli adolescenti e ai giovani con il loro bisogno di relazione e di confronto, di ascolto, di protagonismo, di attenzione ai propri vissuti e alle proprie emozioni.Gli adulti debbono rimanere, per gli adolescenti, soggetti da sfidare e sorpassare anche con provocazioni e giochi di forza. Gli adulti non devono sottrarsi a questa sfida né arretrando in posizioni difensiviste né avanzando sino a con-fondersi con i ragazzi. L´adulto deve sempre rilanciare una sfida più ardita e complessa, imparando a governare codici e media dei ragazzi. Alla fine si genererà un´alleanza sostanziale. Noi adulti metteremo in gioco la nostra autorevolezza rimanendo sempre un punto di riferimento per i più giovani.

ATTIVITA´

Le attività della nostra Associazione ruotano attorno all´idea di territorio inteso come territorio fisico (ecosistema) da promuovere e da tutelare, territorio sociale (comunità) da condividere e da vivere, territorio culturale che ricorda il passato e costruisce per il futuro. Le principali iniziative della nostra Associazione riguardano lo sviluppo di strategie di comunicazione multimediali fra cittadini che condividono i territori. La comunicazione trasmette informazioni e "fa conoscere", "rende noto", ‘condivide´. La nostra società, mentre apprende ed applica le nuove regole fondamentali del comportamento e della comunicazione, grazie anche alla rapida crescita di Internet, non è capace di rendere concrete queste nuove scoperte nel mondo dell´educazione e dell´apprendimento.Il PROGETTO MEMORIA  per la salvaguardia delle fonti orali sulla storia quotidiana di Gazzada Schianno, per valorizzare la storia recente di Gazzada Schianno, quella vissuta dalle donne e dagli uomini del nostro paese nel secolo scorso, il ‘Novecento´, per tramandarla in modo naturale alle prossime generazioni e anche ad alcune di quelle attuali. Questo Progetto darà vita ad un laboratorio multimediale, realizzato con adolescenti e giovani, che raccoglierà le testimonianze e i ricordi dei nostri concittadini attraverso interviste registrate proposte agli adulti e agli anziani. Lo scopo è quello di conservare nel tempo le testimonianze del passato, raccontate direttamente da chi questi avvenimenti li ha vissuti in prima persona.

LA BANCA DEL TEMPO

C´è autenticamente comunità laddove gli abitanti riescono a dedicare una parte delle loro azioni, delle loro energie, del loro tempo al loro paese, agli amici, ai parenti, ai vicini. Intendiamo valorizzare i rapporti inter-individuali promuovendo una cultura della relazione attraverso l´introduzione di sistemi di scambio locale non monetario (economia del dono) come il ‘baratto´ e la ‘Banca del Tempo´.

La Banca del Tempo vuole essere una "libera associazione tra persone che si auto-organizzano e si scambiano tempo per aiutarsi soprattutto nelle piccole necessità quotidiane", si tratti di prestazioni che riguardano lo svolgimento della vita quotidiana (la spesa, la cucina, la lavanderia, le relazioni con gli enti pubblici, i bambini, gli anziani, il tempo libero in compagnia...) oppure di scambio dei saperi, cioè delle conoscenze che le singole persone possiedono (computer, lingue, pittura, fotografia..., ma anche ricette, ricami, vecchi mestieri)

INTERVENTI SOLIDALI

di sviluppo e potenziamento delle risorse socio-sanitarie e/o educative, sostenendo le culture locali, con le loro specificità e potenzialità. Attraverso un percorso di scambio e di reciproca conoscenza vogliamo promuovere, soprattutto fra gli adolescenti e i giovani, la sensibilità e la comprensione delle principali problematiche che impediscono un armonioso ed equo sviluppo sociale nei paesi in via di sviluppo, che troppo spesso finiscono per non svilupparsi mai, favorendo così turbolenti flussi migratori verso i paesi occidentali.
Inoltre, in collaborazione con le Scuole, la Parrocchia e le altre agenzie educative del territorio, la nostra Associazione intende promuovere iniziative tese a favorire l´aggregazione, la socializzazione e lo sviluppo di responsabilità attive nelle scelte quotidiane, la prevenzione del disagio dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, la realizzazione di laboratori creativi (ad es.: di fotografia) in cui l´apprendimento passa attraverso il confronto con i ‘maestri d´arte´, la costruzione di spazi di incontro con differenti espressioni artistiche (letteratura per l´infanzia e di genere per adulti, libri artistici, pittura, cinema, ecc.), l´offerta di momenti di approfondimento per adulti (su tematiche quali ‘Adolescenti, tempo libero e nuove tecnologie per la comunicazione globale´, ‘Relazione Genitori / Figli´, ‘Bullismo e Bullismi´, ‘I comportamenti di dipendenza da Gioco´).

OBIETTIVO

Vogliamo promuovere una maturità morale che abbandoni una posizione di difesa e di resistenza di fronte a ciò che ha grande potenzialità di evoluzione e crescita. Si ha paura di ciò che non si conosce e ci si difende magari con proclami e condanne: chi con argomentazioni acculturate, chi con semplici luoghi comuni. Il nostro atteggiamento vuole essere: curiosità, approccio antropologico, sperimentazione, condivisione di esperienze.Il metodo laboratoriale rimane la nostra opzione formativa privilegiata perché affascinante e proficua: giovani ed adulti fanno un´esperienza insieme, insieme sperimentano, provano e scoprono orizzonti di senso. E ognuno porta le proprie competenze, le proprie elaborazioni. Nel laboratorio si diventa attori e protagonisti della conoscenza perché la conoscenza viene co-costruita. Nel laboratorio esiste la possibilità espressiva originale di ogni persona, una diversa dall´altra, ognuno con un suo specifico e ognuno con potenzialità proprie. E ognuno diventa risorsa per l´altro.

INDIRIZZO

via Italia Libera, 62 - Gazzada Schianno

RECAPITI

 Tel: 335 8027671